Un’oliva francese

La leggenda narra che il Duca Raimondo De Sangro di Torremaggiore alchimista, scienziato e appassionato botanico conobbe in Francia la varietà d’olivo “Provenzale”. La portò a casa sua nell’ Alto Tavoliere e la piantò nei suoi terreni situati nell’agro di Torremaggiore, San Severo e San Paolo Civitate. La “francesina” si trovò così bene che si ambientò subito in questa terra calda e accogliente e non volle più andare via. Si sentì così tanto pugliese da farsi ribattezzare col nome Peranzana, trasposizione dialettale dell’originario nome Provenzale.
Ancora oggi la Peranzana si coltiva nell’Alto Tavoliere, mentre è sparita dalle campagne francesi.

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.**